Overblog Suivre ce blog
Editer l'article Administration Créer mon blog
9 mai 2009 6 09 /05 /mai /2009 08:01
Eccu i scritti  in prosa primiati pà u 2009

Battì Albertini:               Sintineddi

Augustin Tozzi   :       
L'asinata

J Thomas Cacavelli :  
A lumachedda nera


Eccu u primu racontu

SINTINEDDI

Maghju di u 2010 per sti prati verdicanti di u Castellà, in giru à a chjesuccia di San Brancaziu. I turisti sò ancu à ghjunghje ma oghje, cù stu sole veranile è l’infilarate di e vitture nant’à a RN 198 ci pare d’esse da veru in core di a statina; di lugliu ò d’aostu quandu i ghjunghjiticci ruciti nant’à u portu di Bastia da i batelli s’avvianu tutti ò guasi ind’è un milampu ver di Purtivechju, Bunifaziu è sti lochi sacrificati da i nostri capizzoni à u cunsumerisimu è à u soldu santificatu. Longu à sta strada di l’addisperu ci sò nati cità senz’anima ne core; paisoli s’ellu si pò dì, induve ùn si trova più oghje chè cummerci « di stagione » è stazzione d’essenza da rassicurà u viaghjadore caminendu ver di u so Eldorado

Ma oghje turisti ci n’hè pocu è micca. E vitture provanu à ingarassi dapertuttu, in bor di stradone ò nant’à a stradella di Cap Sud. Pocu u cumbugliu o ghjente !! A chì si letica cù unu chì l’hà furatu u so pezzu di terra croscia da lascià a vittura, à chì s’imbarruffa cù i giandarmi dicendu ch’elli l’anu parlatu male è ch’elli facenu a spacca cù i so spichejtti di sole. Ma chì ci serà di cusi impurtante oghje per ste pianure di a verde Casinca ? Una partita di pallò ? Hè d’un pezzu chì più nimu ci và à perde u so tempu ind’è e tribune triste è sculurite di u Sporting ò qualunque altra squadra. Un intarru ? per una volta micca, ma a sapemu bè chì oghje chì ghjè oghje, certi paesi ùn cunnoscenu l’animazione chì quandu unu di i so zitellu ci voltanu per l’ultimu viaghju. Allora mi dicerete: chì ci serà chì ci face vene a ghjente cumu s’ella ci fussi a calamita ? Lasciate puru a vostra vittura quì è marchjemu inseme una cria da scopre stu miraculu veranile.

Da luntanu, cusi à a prima uchjata, pare difficiule d'induvinà ciò chì si passa. A manu diritta c'è una chjesuccia, à manu manca barraconi di legnu è stand più muderni s’ellu si pò dì ; è dapertuttu ghjente chì gira è volta, volta è gira sott’à i ragi di sole dolce è generosu di stu mese di maghju. Avvicinemuci torna un suppulellu è quì, à mezu à u campu di fiera ci sò e bande di capre è pecure. Hè ora di a tundera. Arrimbati à e chjudende, i zitelli si campanu guardendu l’opera di l’artisti chì cù garbu è manera caccianu a lana di l’animali. Gesti antichi fatti cù e forbice qualchì volta, ò puru cù strumenti oghjinchi. A passione è a maestria di i pastori smaraviglianu i ciucci accumpulati in giru à elli cù i so genitori. A prima vista mi piace stu locu chì mancu ùn m’aspittava à truvà quì stonde sebbiate chì ci ramintanu a Corsica d’eri.

A dui passi di l’animali si compra è si vende di tuttu, ciò chì sdice appena ind’è una fiera detta pasturale cusi ma bò, a sapemu da un pezzu chì u soldu s’hè ficcatu dapertuttu, in ogni locu, in ogni pezzu di terra, ind’è u minimu spaziu induve omu ghjace. Cusi chì si vendenu vestiti, cullane, ghjuvelli ,bracialetti senza gustu. Accampanu u locu famiglie sane da cumpà robba nustrale ò ancu puru rubbaccie industriale, c’è di tuttu! Ancu per manghjà ci truverete i vostri sciali. A ghjente si campa è campa a Casinca, rispira, trimuleghja, festighjeghja è canta dinù…Si canta à pocu pressu dapertuttu à partesi di l’ora di l’apperitivu. Ogni barracone di legnu raprisinta un paese di u circondu, Luretu, A Vinzulasca, U Viscuvatu, U Castellà ò ancu puru qualchì associu cum’è i Cavallieri di Corsica induve ribumbanu e più belle paghjelle sin’à l’alba. A u bancu, ò puru u «comptoir » chì pare assai più capiscitoghju s’è ci riflettimu bè, l’omi i più rozi anu cuminciatu à sbiutà bichjeri è buttiglie senza mancu fà casu à e so corcie donne ch’aspettanu attavulinate è chì cumincianu à risente u freddu chì si ne casca in furia nant’à i più curagiosi. Di maghju a guazza s’imaptrunisce di u locu à bon’ora è corcie à quelle chì t’anu un maritu chì casca ind’è una trappula cù qualchì banda d’amichi in brama di Whisky ò altra bivenda…

Cantanu à voce rivolta pullastroni è anzianetti à ogni scornu di u campu di fiera. L’omi, spinserati u tempu di una serata, intreccianu e voci è incantanu l’appassiunati chì stanu à boccaperta, intrunati da a putenza è a bellezza di stu cantu tradiziunale. In Casinca è in i paesi di a Castagniccia vicina, ci cantanu ancu i zitelli di quatordeci à diciott’anni; u cantu si trasmette sempre per via di a passione cumuna, raprisenta una manera d’esse è di campà chì pare di risità sempre à a sfrancisata feroce, ella stessa trapassata da una mundialisazione funesta. U cantu hè piacè, u cantu hè Libertà, simbulu di una fede paisana spartuta da tutti sti militanti muderni chì campanu sempre ind’è i so paisoli à spessu tralasciati. U cantu hè un patrimoniu immateriale trasmessu per via di a passione, a paghjella hè u sangue di sta ghjente, l’acqua linda di ste muntagne è u suchju d’ogni castagnu chì permettia tandu di mantene u vivu in ogni famiglia. L’omu ch’impaghjella si sfoca, si scorda di tuttu, entre in cumunione cù a so terra è a so ghjente. U cantu ritimava e ghjurnate, accumpagnava è accumpagna sempre oghje l’omu nant’à a so via da ch’ellu nasce nant’à sta terra di tradizioni sin'à l'ora di l'ultimu viaghju.

Tutti eranu dunque in un mare di latte, felici, à cori lebi è cantavanu cù l’anghjuli in sta serata tant’aspittata ogni annu. Tutti ò guasi chì ci n’era unu chì fulminava ind’è u so scornu. « L’ASPETTU ! L’ASPETTU ! » ch’ellu dicia, rossu imbagaritu cù l’ochji di u dimoniu . « L’ASPETTU E L’AGHJU DA FA CAPI QUALE SIMU ! » . Era indiavulatu IVIU è ùn vulia appaciassi. Un c’era l’arte di calmà a so ira chì crescia sempre di più. Più avanzava l’ora è più girava inzergatu ogni barracone in cerca di u Sintineddu. « L’ASPETTU » ch’ellu dicia à mezu à a ghjente stunata è qualchì volta ancu intimurita videndu l’ochji scemi è l’andatura decisa di u nostru amicu. Ancu l’omi i più curagiosi di a pieve u guardavanu passà senza mancu pruvà d’interrompe a so corsa scema. A nutizia era andata lestra è IVIU avia amparatu ch’ellu venerebbe oghje nant’à u campu di fiera unu di i Sintineddi autoproclamati di u cantu in paghjella. Dapoi ùn si pudia più ritene è spazientava, sbullaracava cum’è una pignata. Cume? Un a sapete micca ciò ch’elli sò i Sintineddi autoproclamati di u Cantu in Paghjella? Voi allora mi pare chè vo site à l’anticognu. Allora calatevi quì una cria, pigliatevi un bichjeru ò qualchì migliacciolu è statemi à sente.

Da chì a Paghjella sia ricunnisciuta da l’UNESCO, uni pochi di cantadori avianu messu in ballu un associu da salvà a Paghjella. Pare ancu una bona mi dicerete. Ma ciò ch’ellu ùn avia pussutu acettà IVIU, fra altri, era l’affare di i Sintineddi. Eranu cantadore attalintati, tercani scelti per raprisintà u Cantu in Paghjella è trasmettelu à i più ghjovanni. U prublemu era ch’elli duvianu esse pagati per spiazzassi è per…cantà. Parenu fole ! Avianu imaginatu i capizzoni di l’associu chì i Sintineddi duvianu esse remunerati 1000 aurò à mese per pudè andà ind’è e fiere, parlavanu di rimbursà e spese di spiazzamentu è l’assenza à u so travagliu .Accidenti! 24 000 aurò per dui anni à girà a Corsica è cantà cù l’amichi, què sarebbe forse u più bellu mistieru di u mondu! IVIU ùn pudia suppurtà ch’omu si fessi pagà per trasmette « U CANTU DI I SO ANTENATI » cum’ellu dicia. Ci alluntanemu quì di u Cantu Libertà, di u Cantu chì riunisce e famiglie, a ghjente ind’è i paesi. A paghjella era mutata ind’è un strumentu chì permitterebbe à certi di pigliassi dui soldi, d’apprufittà di una rèdita sacra per fà i so affari stupendu cusi annant’à milliai è milliai di paisani ch’anu tramandatu u so sapè è a so passione…

« L’ASPETTU ! L’ASPETTU !! » ch’ellu dicia sempre IVIU, pedi è mani liati è tinutu for di campu da uni pochi d’amichi chì li vulianu bè. A sapianu ch’ellu avia da fà un scempiu è l’avianu chjappu da ch’ellu ùn fessi una cunnaria. Ci era vulsutu u filu è l’accu da pudeli superallu; sei li eranu cascatu adossu è avianu avutu da attaccallu di fune per immubilizallu. Avianu vintu a battaglia. Oramai IVIU era scantatu, impastughjatu cù una catena di quelle maiò è avianu messu ancu un lucchettu, per esse sicuri. A chjave l’avianu pigliata cù elli è eranu vultati ind’è u barracone per pudè sente cantà u Sintineddu chì quantunque eranu curiosi di vede cum’ellu s’avia da sbruglià cù tutta sta pressione, cù tutta sta ghjente scuntenta è offesa da sta sturiaccia di soldi. « L’ASPETTU, L’AGHJU DA TAGLIA U FIATU ! » ch’elli sintianu alluntanendusi di l’umatale arrabiatu ! « L’ASPETTU E UN V’INCHIETATE CHI UN PUDERA FRANCASSILA ». Parla puru ch’elli dicianu i so amichi, cuntenti di culpacciu ch’elli avianu fattu…

Era ghjuntu u Sintineddu affiancatu di tutta a so squadra : cantadori in terza è bassu, rispunsevule di l’associu è ancu di l'UNESCO, prufissiunali di l’arregistramentu cù tuttu u materiale u più sufisticatu. Ind’è una barracca accunciata apposta cù i soldi di l’UNESCO, avianu cuminciatu à cantà annant’à una scena. Un c’era più nunda di naturale è a Paghjella era cunsiderata cum’è un spittaculu. « Un C’E PIU UN PALMU DI NETTU ! » ch’omu pudia sente s’ellu stinzava l’arechja una cria. Quantunque a ghjente era vinuta è s’era cuncolta daret’à e chjudende piazzate à deci metri per ùn scumudà i cantadori. A folla era zeppa zeppa per ascultà sti paghjellaghji chì si facianu aspittà. Eranu à l’appiattu più in daretu è si priparavanu per a so raprisentazione. I ghjurnalisti di VIA STELLA è Frequenza Mora eranu pronti per l’evenimentu. A manu à manu, esce u Sitnineddu cù i so dui amichi è si mettenu in piazza. « MA COSA HE STA CUMEDIA ?! ». Mettenu à cantà, ò piuttostu à cantichjà. Mai nimu avia vistu un cantadore di Paghjella cusi sticchitu, paria ch’ellu cantava cù una scopa in l’O. Appinzava e labre è n’escia un sonu chjaru, lindu, guasi perfettu ma senza nisun soffiu ! Senza naturale !

A ghjente era guasi per adddurmintassi quandu ad un trattu…un trostu abuminevule feci trasaltà tutti quelli prisenti, un rimore vinutu da u bughju chì s'avvicinava cum'è una minaccia, in furia. IVIU,cù a cumplicità di Battì è Titò s'era liberatu è curria cum'è un torru inghjacaritu, scuffulighjendu cum'è un cavallu spavintatu. Saltò da sopra à a ghjente spavichjata, lestru cum'è mai, è si ritruvò subitu à dui passi di a scena. Dui umatali fecinu per parallu ma si pisconu duie capate tremende è si n'andonu prestu capu inghjò ind'è e canne chì spiccavanu e capanne tra di elle. "T'AGHJU ASSPITTATU U MO CARU!", ch'ellu dissi nanzu di lampassi cum'è un lupu famitu nant'à a so preda sott'à l'ochji di i rispunsevuli santavugliati. Saltò nant'à u Sintineddu ochjiburlatu è missi à strangulallu di tutt' a so rabbia senza chì nimu pudessi più cacciallu. Li stringhjia u ficu senza spustà. U corciu assaltatu diventò rossu, pò biancu, pò verde, passò per tutti i culori d'un arcubalenu senza pudè difendesi. IVIU ùn cappiava è u tintu mughjava. Nascia u parapiglia è tene ind'è a barracca, vulavanu i bichjeri, e buttiglie, e tavule è ancu certi rispunsevuli chì vulianu difende u Sintineddu. A pocu à pocu u so stridu si feci più acutu, paria oramai una voce feminile ! Quandu IVIU lintò a so vittima, si licenziò senza mancu più insultallu. Avia fattu u so duvere; u Sintineddu avia persu a so voce. D'una siconda perfetta si ritruvò cù una terza di curnachja ammalata, scannata à l'usu di certi cantadori di chjam'è rispondi di u rughjone Bunifazincu. Mai più ùn puderà disunurà a Paghjella participendu à SCRUCCUNERIE cum'ellu dicia sempre IVIU. Da tantu ch'ellu funu sbiguttitu i rispunsevuli di l'UNESCO, si ghjuronu d'ùn vultà mai più in Corsica è di lascià cascà a so idea di iscrive a Paghjella à u patrimoniu mundiale di l'UNESCO.
U cantu in Paghjella torna un cantu PUPULARE !!!

Partager cet article

Repost 0
Published by lingua viva - dans cuncursu
commenter cet article

commentaires

Présentation

Recherche

Liens